Il Piccolo Sillabario Illustrato

 

 

Tra i raccontini di Calvino è notissimo quello che riferisce delle virtù e delle insistenze di una spogliarellista presso il proprietario di un night-club in vista di un'ambita scrittura: "Sa? Sessi isso sù!", frase che rispetta la successione fonetica SA-SE-SI-SO-SU.
Libera invece da raddoppi è la risposta di un'astuta portinaia, la quale ogni giorno si trova a dover rispondere alla medesima domanda rivoltale dall'amico della signorina del terzo piano: "Sa se c'è in casa ... ?". Il dialogo tra i due, dapprima un po' stentato e svogliato, pur con l'aiuto di buone mance, diviene alla fine spigliato e lapidario: "Sa se?.." - "Sì, so: sù!".
Un'altra delle storielle di Calvino è quella riferita alla successione BA-BE-BI-BO-BU: "Tutte le ragazze impazziscono per Bob, ma egli sembra insensibile alle loro lusinghe. Saputo che Bob parte per una crociera in India, Ulrica decide d'imbarcarsi sul medesimo piroscafo, sicura che le lunghe giornate di navigazione le saranno propizie alla conquista. All'amica Ludmilla, che si mostra scettica, Ulrica dice: "Vedrai, appena riuscirò a sedurlo, ti scriverò. Scommetto che sarà prima d'uscire dal Mar Rosso". Infatti, da Bad-el-Mandeb, Ludmilla riceve una laconica cartolina: "Bab. Ebbi Bob. U."".